La ricetta di oggi: BarCamper all’italiana

Ingredienti

Prendete un Venture Capitalist visionario, uno con tanta gavetta alle spalle, uno che è stato dall’altra parte, non uno cresciuto negli ovattati e velenosi ambienti bancari. Controllate la data di scadenza: deve essere uno disposto a continuare a mettersi in gioco, e che crede che in Italia si possa e si debba ancora fare tanto.

Mescolate con un uomo del sud. Uno solido, dai forti valori, rassicurante e propenso al rischio. Possibilmente un CEO.

Aggiungete qua e là generose spruzzate di amore puro per la cultura digitale estrema, mista a follia lucida. Fate molta attenzione a usare un ingrediente originale e controllate anche qui la data di scadenza. Deve essere uno fresco e in grado di contagiare al primo assaggio. Un tipo funky, insomma.

Non fate mancare un regista. Uno indipendente, uno che ci ha visto lungo e che crede nei progetti bizzarri e innovativi. Se poi ha un drone, è perfetto.

Procuratevi poi uno scrittore abusivo napoletano. Deve essere assolutamente a digiuno di tecnologia ma al contempo in grado di coglierne l’essenza.

Uno sveglio e motivato project manager completa la lista degli ingredienti.

 

Preparazione

Fate cuocere tutti gli ingredienti insieme, a fuoco lento, e mescolate facendo attenzione a sciogliere eventuali grumi. Trovate nel frattempo gli sponsor e aggiungeteli di volta in volta al preparato.

Aggiustate di sale e fate saltare in padella fino a ricavare una miscela uniforme, fluida ma non liquida, elastica ma non gommosa.
Nel frattempo procuratevi un Camper e, con l’aiuto di un paio di makers in gamba, trasformatelo in un oggetto animato, in grado di comunicare le proprie emozioni, con il fiuto per l’innovazione, e con qualche Arduino qua e là.
[Importante: prima di trasformare il camper verificate gli sponsor, più credono nell’iniziativa più aumenterà la sapidità e la dotazione tecnologica del mezzo].
Aggiungete la miscela al camper e fatela mantecare in un blog per non più di due minuti.

Fate un’adeguata promozione e invitate startupper, talenti, innovatori, visionari e qualche istituzione (a piccole dosi, mi raccomando!)

Portate in tavola caldo, possibilmente in un campus di ateneo.

…et voilà il Barcamper è servito!

Informazioni su abarti

Project Manager per deformazione, vive e lavora tra Torino, Napoli, Milano e Savona, napoletano d'origine "ma no emigrante", per citare il grande Massimo Troisi. La mia visione è cambiata quando ho cominciato a frequentare di nuovo un mio vecchio amico batterista e VC
Questa voce è stata pubblicata in Istruzioni per l'uso del Barcamper e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a La ricetta di oggi: BarCamper all’italiana

  1. alferrara59na ha detto:

    VINI CONSIGLIATI – Il Barcamper è un piatto versatile e particolare che richiede un accostamento di vini studiato in base al periodo ed al posto in cui lo si consuma. Si suggeriscono pertanto i seguenti accostamenti per il mese di giugno:
    VERBICARO ROSSO (a Cosenza)
    CIRO’ ROSSO (a Crotone)
    LAMEZIA ROSSO RISERVA (a Catanzaro)
    ZIBIBBO DI ZAMBRONE (a Vibo Valentia)
    GRECO DI BIANCO (a Reggio Calabria)

    BUONA DEGUSTAZIONE!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...